Magazine Sicily&More

Magazine Sicily&More

Sicily is a place where everything could happen

Mese: maggio 2018

Altopiano D’Asiago o dei Sette Comuni

L’ Altopiano dei Sette Comuni, noto anche col nome di Altopiano di Asiago dal nome del suo principale centro, è un vasto Altopiano che si trova sulle Alpi vicentine, nella zona di confine tra…

L’ Altopiano dei Sette Comuni, noto anche col nome di Altopiano di Asiago dal nome del suo principale centro, è un vasto Altopiano che si trova sulle Alpi vicentine, nella zona di confine tra le regioni Veneto e Trentino-Alto Adige.

Secondo la Suddivisione Orografica Internazionale delle Alpi è un sottogruppo degli altipiani. Gran parte del territorio anticamente era suddiviso in sette circoscrizioni organizzate in una federazione autonoma (la più antica al mondo paragonabile a un moderno Stato federale) denominata Federazione dei Sette Comuni.

Caratteristiche del luogo sono la natura incontaminata, l’accoglienza degli abitanti, la tranquillità che si respira e le numerose strutture per ogni tipo di intrattenimento. Tutto ciò fa si che l’Altopiano d’ Asiago sia una meta adatta sia all’estate che all’inverno, con la promessa di una vacanza all’insegna del divertimento, dello sport e relax.

I comuni dell’Altopiano che originariamente erano 7 come dal nome stesso, dal 1796 sono diventati 8 :

  • Asiago: senz’altro la più famosa e vivace tra le località da cui prende il nome anche l’ Altopiano.
  • Conco si trova a 830 sul livello del mare, è a metà tra la pianura veneta e l’Altopiano di Asiago. Le temperature invernali possono scendere fino a -20
  • Enego è uno dei comuni con il minor numero di abitanti ma anche il più ricco di storia tra essi.
  • Foza si trova a Nord Ovest ed è circondato da alcune delle più belle montagne dell’Altopiano
  • Gallio si trova a 4 km da Asiago ed insieme ad esso è uno dei comuni più turistici per le possibilità di divertimento e relax che offre
  • Lusiana è il comune più a Sud, si trova vicino alla Pianura Veneta e la sua posizione privilegiata offre panorami mozzafiato
  • Roana vanta le temperature più miti dell’intero Altopiano e ciò lo rende adatto ad ogni tipologia di turista che ospita
  • Rotzo può essere definito come un vero e proprio paradiso per gli amanti dello Sci e dei naturalisti, per il paesaggio e le bellissime piste di cui è attrezzato.

Visitare uno o più di questi comuni sarà senza dubbio un’esperienza da vivere a stretto contatto con la natura, immersi nella bellezza dei paesaggi. Inoltre, grazie alle numerose strutture attrezzate, ampia è la possibilità e la scelta delle esperienze da vivere con Essa.

 

Fonte

Nessun commento su Altopiano D’Asiago o dei Sette Comuni

Agrigento

Agrigento  è uno splendido comune italiano della Sicilia occidentale. Sebbene sia ormai un moderno centro, la maggior parte dei visitatori  vi approda per ammirarne la storia ed i suoi resti. Spostandosi…

Agrigento  è uno splendido comune italiano della Sicilia occidentale.

Sebbene sia ormai un moderno centro, la maggior parte dei visitatori  vi approda per ammirarne la storia ed i suoi resti. Spostandosi leggermente fuori città è infatti possibile arrivare alla Valle dei Templi.

È una delle più importanti aree archeologiche della Sicilia caratterizzata dall’eccezionale stato di conservazione e da una serie di importanti templi dorici del periodo ellenico. Dal 1997 l’intera zona è stata inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità redatta dall’UNESCO. È considerata un’ambita meta turistica, oltre ad essere il simbolo della città. Il parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi, con i suoi 1300 ettari, è il sito archeologico più grande del mondo

 

Agrigento vanta un territorio in cui si insediarono i vari popoli che lasciarono traccia nell’isola arricchendola sempre più con i loro resti.

Ai numerosi turisti infatti non mancheranno Tempi, Musei e Chiese da visitare. Qualora si scegliesse di lasciarsi guidare, molteplici sono i tours ad essi dedicati che è possibile scegliere anche direttamente sul luogo.

« Mai visto in tutta la mia vita uno splendore di primavera come stamattina al levar del sole… Dalla finestra vediamo il vasto e dolce pendio dell’antica città tutto a giardini e vigneti, sotto il folto verde s’indovina appena qualche traccia dei grandi e popolosi quartieri della città di un tempo. Soltanto all’estremità meridionale di questo pendio verdeggiante e fiorito s’alza il tempio della Concordia, a oriente i pochi resti del Tempio di Giunone; ma dall’alto l’occhio non scorge le rovine di altri templi … corre invece a sud verso il mare. »
(GoetheViaggio in Italia)

Fonte

Nessun commento su Agrigento

Scala dei Turchi

Venendo in Sicilia, è quasi del tutto impossibile pensare di non visitare questo angolo di Paradiso in provincia di Agrigento: la Scala dei Turchi. È una parete rocciosa (che si erge…

Venendo in Sicilia, è quasi del tutto impossibile pensare di non visitare questo angolo di Paradiso in provincia di Agrigento: la Scala dei Turchi.

È una parete rocciosa (che si erge a picco sul mare lungo la costa di Realmonte (AG) ,diventata nel tempo un’attrazione turistica sia per la singolarità della scogliera, di colore bianco e dalle peculiari forme, sia a seguito della popolarità acquisita dai romanzi con protagonista il commissario Montalbano (scritti dallo scrittore empedoclino Andrea Camilleri), in cui tali luoghi vengono citati paese del commissario, da inquadrare con Porto Empedocle.

La Scala è costituita di marna, una roccia sedimentaria di natura calcarea e argillosa, con un caratteristico colore bianco puro, con la quale i visitatori si divertono a cospargere il corpo traendone beneficio per la pelle

Tale scogliera dal singolare aspetto si erge tra due spiagge di sabbia fine, per accedervi bisogna procedere lungo il litorale e inerpicarsi in una salita somigliante a una grande scalinata naturale di pietra calcarea. Una volta raggiunta la sommità della scogliera, il paesaggio visibile abbraccia la costa agrigentina fino a Capo Rossello.

Lungo le insenature e le curiose forme che la roccia ha acquisito con il tempo, è spesso possibile imbattersi in delle “poltrone” naturali in cui è divertente sostare e prendere il sole in totale relax

Dettaglio Scala dei turchi

Curiosità

Il caratteristico nome proviene dalle passate incursioni di pirateria da parte dei saraceni, genti arabe e, per convenzione, turche; i pirati turchi, infatti, trovavano riparo in questa zona meno battuta dai venti e rappresentante un più sicuro approdo.

 

Fonte

 

 

Nessun commento su Scala dei Turchi

Type on the field below and hit Enter/Return to search