Marzamemi è un Borgo marinaro di Pachino, in provincia di Siracusa, di cui ogni visitatore non potrà fare a meno di innamorarsi. Si trova a mezz’ora di auto da Noto, cittadina barocca Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

È uno dei borghi siciliani più suggestivi e caratteristici dove anche una semplice passeggiata sarà in grado di ristabilire un contatto naturale con la bellezza attraverso colori, profumi e paesaggi.

Ogni angolo racconta un pezzo di storia di cui non sarà difficile carpire le origini e tutto ciò che ha permesso a Marzamemi di svilupparsi.

Il borgo infatti, è nato attorno all’approdo, poi divenuto porto da pesca, e si è sviluppato grazie a quest’ultima attività, molto praticata ancor oggi, dotandosi anche di una Tonnara, tra le più importanti della Sicilia. La tonnara di Marzamemi risale al tempo della dominazione spagnola in Sicilia nel 1600.

Nel 1912 fu costruito a Marzamemi uno stabilimento di lavorazione del tonno salato e in seguito del tonno sottolio. La pesca della tonnara fu abbondante fino al dopoguerra. A Marzamemi si effettuavano due mattanze ogni giorno: una al mattino ed una nel primo pomeriggio. “La camperia era lo stabilimento conserviero addossato alla loggia ed al palazzo del Principe, i ruderi del quale, delimitati dalla Via Jonica, dalla via Marzamemi e dalla via Letizia, sono riconoscibili per l’alto fumaiolo quadrilatero (ora a rischio di crollo).

Ancora oggi, così come in molte località siciliane, il pesce la fa da padrone a Marzamemi. La sua famosa bottarga di tonno, tonno rosso e conserve marinare, oltre ad essere degustati direttamente sul luogo, si troveranno facilmente, insieme a molti altri prodotti tipici, nei caratteristici negozi che circondano le colorate vie del paesino. Sarà dunque possibile racchiudere e portare con sè ricordi e sapori di questo soggiorno.

 

Fonte storica