Erice è un piccolo ed antico borgo medievale in Sicilia. Comune italiano di 27 874 abitanti della provincia di Trapani.

Nel centro cittadino che è posto sulla vetta dell’omonimo Monte Erice, sono residenti solo 1024 abitanti (popolazione che si decuplica nel periodo estivo), mentre la maggior parte della popolazione si concentra a valle, nell’abitato di Casa Santa, contiguo alla città di Trapani. Il nome di Erice deriva da Erix, un personaggio mitologico, figlio di Afrodite e di Bute, ucciso da Eracle. Dal 1167 al 1934 ebbe il nome di Monte San Giuliano.

« E l’altro monte, e l’altro monte ei vede,
l’Erice azzurro, solo tra il mare e il cielo
divinamente apparito, la vetta
annunziatrice della Sicilia bella! »
(Gabriele D’Annunzio, dalla poesia La notte di Caprera)

Il territorio di Monte San Giuliano, denominato Agro ericino, comprendeva oltre al territorio dell’attuale comune, anche quelli di Valderice, Custonaci, San Vito Lo Capo, Buseto Palizzolo e parte di quello di Castellammare del Golfo.

Il Monte Erice è una grande area naturale con boschi, in particolare l’area di Martogna, il bosco demaniale di Sant’Anna e contrada Porta Spada. Il Corpo forestale della Regione siciliana gestisce il Museo Agro-forestale San Matteo, un antico baglio rurale a 4 km dalla vetta. La periodica e ormai annuale pratica criminale degli incendi dolosi ha devastato la montagna e i dintorni del paese, che fino a vent’anni erano immersi nei boshi e che adesso insistono in un territorio pressoché arido.

Tra le attività più tradizionali vi sono quelle artigianali, che si distinguono per le lavorazioni del ferro e del legno, oltreché per l’arte della ceramica e per quella tessile, quest’ultima finalizzata alla realizzazione di tappeti e di borse.

Dolci tipici

  • bocconcini di Erice, dolcini di pasta reale con l’anima di marmellata di cedro al liquore
  • genovese alla crema, dolce di pastafrolla con zucchero a velo sulla parte superiore
  • mustaccioli, antichi biscotti fatti in un ex convento di clausura

Curiosità:

Erice è stata usata come set del paese di Carini durante le riprese della miniserie televisiva, diretta da Umberto Marino, “La baronessa di Carini“. Vi è stato girato anche il film di Pif In guerra per amore.                                                                                                   Parte del film Aquaman viene girato a Erice

 

Fonte